Castello di Meleto

Castello di Meleto

A Gaiole in Chianti, 60 km a sud di Firenze, immerso nella splendida campagna toscana sorge il Castello di Meleto. Risalente all’XI secolo, il castello apparteneva ai monaci Benedettini della Badia a Coltibuono. Il nome «Meleto in Chianti» è citato per la prima volta nel 1256 nel Libro degli Estimi dei Guelfi fiorentini, come proprietà della famiglia «de Ricasolis». Proprio alla famiglia Ricasoli, nel corso dei secoli, si devono la conservazione e le trasformazioni del castello: da postazione militare contesa tra Firenze e Siena – i cui tratti sono ancora visibili nelle massicce fortificazioni quattrocentesche, con l’imponente torre cilindrica – a villa nobiliare di campagna, con stanze finemente decorate e la costruzione di un teatrino privato in stile settecentesco.
I terreni di Castello di Meleto si estendono intorno al Castello e al borgo medievale per circa mille ettari: di essi centoventicinque sono dedicati alla coltivazione della vite. Le caratteristiche del clima, del terreno e le diverse altitudini rendono il territorio del Chianti una regione da sempre vocata alla produzione di vini di qualità.

Castello di Meleto
Castello di Meleto
Castello di Meleto
Castello di Meleto